0

20 febbraio 2016

Che fine ha fatto Enrico Papi?

Nato a Roma, il 3 Giugno 1965, Enrico Papi, nonostante qualcuno non lo ricordi, rappresenta uno dei volti più noti degli anni 90′. A lui, infatti, sono legati alcune delle trasmissioni più seguite di quel magico decennio, probabilmente, spesso non di straordinaria qualità, ma tra le più seguite. Dopo gli esordi in Rai, appena 23enne […]

che-fine-ha-fatto-enrico-papi

Nato a Roma, il 3 Giugno 1965, Enrico Papi, nonostante qualcuno non lo ricordi, rappresenta uno dei volti più noti degli anni 90′. A lui, infatti, sono legati alcune delle trasmissioni più seguite di quel magico decennio, probabilmente, spesso non di straordinaria qualità, ma tra le più seguite.

Dopo gli esordi in Rai, appena 23enne sarà, sul canale principe Rai,  ideatore e autore di una fortunata candid camera all’interno di Fantastico bis, per poi comparire, tra gli altri, ad Unomattina e alla conduzione dello Zecchino d’oro,  anche se la vera notorietà arriverà a Mediaset, dove si accentuerà la sua propensione al gossip. Qui nel 1996 debutterà con la trasmissione “Papi quotidiani” , in luogo di “Sgarbi quotidiani“, complice la candidatura politica del critico che gli impediva di comparire in video. Dopo i collegamenti in esterno per “Verissimo” e la conduzione di un format da lui ideato “Edizione straordinaria“, la consacrazione in termini di audience arriverà nel 1997 con il gioco musicale “Sarabanda” ( inizialmente varietà), che a colpi di sfide musicali, personaggi (l’uomo gatto  su tutti) e speciali, non solo diverrà il programma del genere più longevo, ma arriverà aa sfidare in termini di ascolto il festival di autenti colossi quali Sanremo e Striscia la Notizia. Sempre in quel decennio anche la presenza, chiamato da Maurizio Costanzo a sostituire Fiorello, a “Buona Domenica” , alcuni speciali ( “Sapore d’estate” e ” Beato tra le donne” accanto rispettivamente a Sandra Mondaini e Anna Ammazzamauro oltre al format settimanale
“Predizioni”.

Gli anni dopo il 2000 lo vedranno protagonista più di mezzi flop che di autentici successi. Accanto, infatti, ai buoni risultati in termini di share di “Matricole“, ” Matricole e meteore“, in parte il remake della
Ruota della fortuna” e della ” Pupa e il secchione” , le partecipazioni agli anonimi ” L’Imbroglione ” su Canale 5, gli scarsi risultati conseguiti dal ” Il Gioco dei 9” un tempo condotto da Riamondo Vianello,
Distraction” o “Prendere e lasciare” o dei quiz  “Il colore dei soldi“n “Centoxcento” o ” Transformat“.
Per chiudere, con analoga fortuna, nel 2014 con il game show ” Top One”.

Attualmente Papi, vive negli Stai Uniti a Miami e oltre a lavorare in tv, ma dietro le quinte, visionando i format stranieri da importare e adattare il nostro mercato, si dedica al mestiere più difficile, quello del papà.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *